Luisa Corna parla del pettegolezzo che l’ha rovinata

di Fabiana Commenta

La conduttrice parla per la prima volta del pettegolezzo che le ha rovinato la vita e che la perseguita da ben 7 anni…

Un pettegolezzo le ha rovinato la vita, ma adesso Luisa Corna dice basta. Intervistata dalla rivista Oggi, la conduttrice rilascia la sua versione dei fatti sulle insistenti voci che la perseguitano da 7 anni, da quando Umberto Bossi fu colpito da ictus.

Era l’11 marzo del 2004 e subito si diffuse la voce che il Senatur fosse in compagnia della bella Luisa.

Nel corso degli anni la conduttrice si è sempre trincerata dietro un no comment, ma adesso spiega per la prima volta e a distanza anni la sua versione per mettere a tacere definitivamente le voci.

La Corna dice sostiene di aver incontrato una sola volta Bossi in occasione del concorso di Miss Padania.

Anzi poi si corregge e dichiara di non averlo neppure incontrato, quanto semplicemente intravisto.

Non esiste una foto, non esiste alcuna testimonianza, nulla di nulla eppure le voci continuano a perseguitarla con evidenti ripercussioni sulla sua carriera e sulla sua autostima.

La Corna rivela di aver cercato di affrontare la situazione in diversi modi, passando attraverso stati d’animo, dalla rabbia all’indifferenza alle lacrime con il solo risultato di sentirsi semplicemente ferita come donna.

Ma Luisa è consapevole del fatto che alcuni ambienti, in particolare quello dello spettacolo, oltre ad essere particolarmente faticosi, sono anche molto cattivi.
Intanto comunque rilascia questa intervista (nella quale si dichiara single a 46 anni) in occasione del suo ritorno sulle scene.

Sarà infatti la protagonista di Pirates, un musical sui pirati diretto da Maurizio Colombi, che sarà in scena a Milano 15 al 27 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>