Pietro Titone sul Grande Fratello: Sono stato contattato dalla produzione, non ho fatto io domanda

di Sveva Commenta

Da tanti anni ormai si parla di provini pilotati al Grande Fratello ovvero di gieffini che arrivano a entrare nella casa più spiata della tv senza avere fatto regolari casting. E Pietro Titone, ex concorrente, avvalora questa tesi spiegando come è arrivato a giocarsi un posto nel reality più longevo della tv italiana.

pietro titone

In una intervista rilasciata a Isa&Chia, il toscano ammette di essere stato contattato dalla produzione del Grande Fratello che cercava ragazzi interessanti in quel di Siena (sua città natale).

GRANDE FRATELLO, PIETRO TITONE: ECCO I DETTAGLI DEL MATRIMONIO CON ILARIA NATALI

In realtà il Grande Fratello nasce tutto da un episodio: ero in spiaggia con la mia ex ragazza, mi suona il telefono ed era la produzione che mi proponeva un provino, resto sbalordito e penso ad uno scherzo di qualche mio amico. Invece era tutto vero, la troupe del GF era a Siena e con l’aiuto di alcuni ragazzi del posto cercava delle persone interessanti, con un profilo simile al mio, quindi mi hanno lasciato il loro contatto e mi hanno dato appuntamento per la sera stessa. Io mi sono presentato al provino con costume e t-shirt, proprio non credevo di essere preso tra più di 5000 aspiranti concorrenti: 10 minuti in cui ho raccontato quello che facevo, cioè che giocavo a calcio e lavoravo, che ero un ragazzo semplicissimo. Invece dopo pochi giorni mi hanno chiamato e mi hanno chiesto di andare a Roma!

Insomma aumentano le testimonianze di coloro che ammettono di avere partecipato al Grande Fratello al termine di un percorso alquanto strano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>