Fabrizio Corona assolto dall’accusa di intestazione fittizia di beni

di AnnaMaria Commenta

Vittoria in tribunale per Fabrizio Corona. La storia è più o meno questa: Corona era stato arrestato lo scorso ottobre 2017 mentre era in affidamento in prova ai servizi sociali dopo una condanna definitiva. Il Tribunale di Milano però lo ha sottoposto a processo per la faccenda che riguarda i 2,6 milioni di euro che Corona avrebbe sottratto al fisco custodendoli nel sottotetto di casa della sua collaboratrice Francesca Persi.fabrizio-corona

Sembrava un reato fiscale ma in realtà il Tribunale ha voluto indagare per accuse molto più gravi, quella di intestazione fittizia di beni e quella di violazione delle norme patrimoniali sulle misure di prevenzione. Da queste due ultime accuse, che poi erano le più gravi, Fabrizio Corona è stato assolto. Felicissimo, l’ex re dei paparazzi in aula ha esultato di gioia battendo i pugni sul tavolo e gridando: “Sì! Giustizia è fatta!”. Anche la sua fidanzata, Silvia Provvedi, era visibilmente commossa.

> SILVIA PROVVEDI: DICHIARAZIONI CHE INGUAIANO FABRIZIO CORONA?

Proprio prima della sentenza, Corona aveva parlato ai giornalisti delle sue perplessità e dei suoi timori:

Fuori sono rimaste mia madre, che darebbe la vita per mio figlio ma si sta facendo vecchia e la mia fidanzata che è molto giovane ma è unica e speciale, e quello che ha fatto per me non l’avrebbe fatto nessuna donna. Ho questa piccola famiglia, mi aspetta ed è l’unica cosa che voglio, i soldi non mi interessano, potete anche tenerveli. Datemi ciò che è giusto e fatemi riprendere il percorso da dove lo avevo interrotto.

> L’AVVOCATO DI BELEN RISPONDE ALLE PAROLE DI CORONA AL PROCESSO

E poi ha aggiunto:

Sono stanco e ho paura, ma non per me, per mio figlio di 14 anni che ieri è venuto in carcere e mi ha detto “Papà, non può esistere una società basata sul libero arbitrio, cerca di essere fiducioso e soprattutto ricorda che il perdono è meglio di una preghiera”. Questo processo è stato molto rumore per nulla e si poteva evitare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>