Kate Upton (per Terry Richardson) censurata da YouTube

di Fabiana Commenta

Il video girato da Terry Richardson è stato censurato e rimosso da YouTube perché troppo sexy: poco dopo però è stato ripubbblicato

Terry Richardson e Kate Upton hanno fatto scandalo. C’era da aspettarselo dal fotografo più irriverente in circolazione (anche autore del celebre Calendario Pirelli, anno 2010) e dalla burrosa modella che ha conquistato più volte la copertina di Sports Illustrated.

Durante un momento di pausa di un servizio fotografico, Richardson ha pensato di filmare dietro le quinte la modella l’hip hop sulle note di “Cat daddy”. Kate indossava un microscopico bikini rosso e il video la ritrae mentre balla divertita al ritmo della canzone con gesti sensuali. Evidentemente troppo: il video è stato pubblicato su YouTube e visto in brevissimo tempo da milioni di persone.

Poco dopo però è stato prontamente rimosso. Le immagini sono sembrate troppo sexy per la piattaforma di video-sharing e troppo esplicite anche considerando le nette violazioni della sua nota politica anti nudità. La censura che si è abbattuta su Terry Richardson e su Kate Upton non è durata molto perché nell’arco di un breve lasso di tempo il video è tornato ad essere disponibile su YouTube.

Il Calendario Pirelli 2012 verso la presentazione ufficiale

Molto probabilmente avranno pesato i due nomi protagonisti del filmato: da una parte un fotografo del calibro di Richardson e dall’altra una della modelle più quotate del momento. E per questa volta YouTube ha deciso di chiudere un occhio.

Non è la prima volta che il sito si rende protagonista di un gesto di censura: era accaduto qualcosa di simile qualche settimana fa quando era stato censurato il video di Girl gone wild di Madonna (girato da Mert&Marcus) perché troppo spinto e con riferimenti al sesso troppo espliciti e volgari.

In quel caso le immagini erano però davvero molto più hot al punto tale che, una volta rimosso il video, era stato richiesto al management della cantante, di rendere disponibile e pubblicabile una versione molto meno spinta.

http://youtu.be/UeJatEw_NJc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>