Melissa Satta dice di non essere la rovina di Boateng

di Fabiana Commenta

La ex velina dice di essere una fidanzata normale e smentisce ancora le voci del flirt con Cristiano Ronaldo

Guai in vista per Melissa Satta accusata dai milanisti di essere la responsabile delle sempre più deludenti prestazioni del suo fidanzato Kevin Prince Boateng. Ma la ex velina non ci sta e risponde alla accuse attraverso la Gazzetta dello Sport: si definisce una fidanzata del tutto normale e dice che i mali di Boateng, veri responsabili del suo rendimento, sono ben altri, anche se non li specifica affatto.

Certo, i milanisti la accusano di aver sottoposto Boateng a una vera e propria esposizione mediatica privandolo della concentrazione e naturalmente sono in molti a ricordare le parole di Melissa di qualche mese fa in cui la velina si vantava della sua intensa attività sessuale con il fidanzato.

Travolta dal gossip, Melissa aveva smentito le sue dichiarazioni, da attribuirsi al lancio della nuova sit com Amici di letto che la vedeva come protagonista. Il danno però era stato fatto e i milanisti non hanno dimenticato le due parole.

Adesso Melissa, da vera tifosa, in questo momento difficile però continua a sostenere il Milan, anche se non vorrebbe che si parlasse tanto del suo fidanzato. Rivendica un po’ di popolarità autonoma e vuole che si parli del suo lavoro e del suo debutto a teatro nella commedia A casa di David dove ha sostituito la collega-amica Elena Santarelli.

Melissa Satta si scaglia contro Novella 2000

In questo momento appare molto soddisfatta di sé stessa: la carriera sembra essere in ripresa e sta cominciando a organizzare le nozze (previste con il 2013 forse) con il suo promesso sposo, Kevin Prince Boateng, smentendo ancora una volta il presunto flirt con Cristiano Ronaldo.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>