Luca Barbareschi, ho l’epatite e ho rischiato di morire

di Emma 186 views0

Dichiarazioni choc di Luca Barbareschi: l’attore-produttore ha rivelato di aver rischiato la morte a causa di un’epatite che sta ancora curando.
Tutto è cominciato un paio di mesi fa quando l’attore aveva annunciato pubblicamente con un comunicato stampa che avrebbe dovuto osservare un lungo periodo di riposo osservando le prescrizioni dei medici.

Tranquillizzando i fans, Barbareschi aveva spiegato di non essere affetto da nessun male incurabile, ma che stava pagando le conseguenze di una broncopolmonite contratta lo scorso anno e trascurata.

A distanza di qualche settimana però Barbareschi è tornato sull’argomento e, intervistato dalla rivista DiPiù, ha svelato come stanno davvero le cose. L’attore ha detto che sta curando un’epatite che ha contratto in seguito a un’intossicazione da farmaci: tutto in realtà è cominciato oltre sette mesi fa quando è stato coinvolto in un brutto incidente. Investito in scooter da un’auto pirata che non si è fermata al semaforo, Luca Barbareschi ha riportato conseguenze gravi. Oltre alla frattura di otto costole, ha avuto una miocardite e una broncopolmonite da impatto e da lì sono cominciati i problemi.

All’inizio l’attore ha trascurato la sua salute continuando a onorare i suoi impegni e cominciando a imbottirsi di farmaci pur di stare in piedi: sono stati proprio i troppi farmaci, tra cui l’assunzione eccessiva di codeina, a procurargli una grave forma di intossicazione al fegato. A quel punto i medici gli hanno diagnosticato l’epatite dicendogli chiaramente che avrebbe dovuto fermarsi e riguardarsi almeno fino a Natale.

E gli hanno fatto un quadro molto chiaro della situazione spaventandolo e dicendogli che se non si fosse curato adeguatamente avrebbe rischiato la morte. A quel punto Barbareschi ha capito di non avere scelta: d’altra parte la salute è certamente la cosa più importante che ci sia, tanto da convincere l’attore ad annullare i suoi impegni e a dedicarsi solo ed esclusivamente alle cure per guarire.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>