Whitney Houston è in bancarotta

Whitney Houston è sull’orlo della bancarotta.

Secondo il sito Radaronline, che riporta le solite fonti anonime ben informate, la cantante statunitense, 48 anni, avrebbe dilapidato tutta la sua ingente fortuna pari a circa 100 milioni di dollari. Whitney sarebbe talmente al verde da farsi prestare i soldi dai suoi amici intimi: sembra che di recente sia arrivata addirittura a farsi prestare 100 dollari.

Insomma la cantante, all’apice del successo negli Anni Novanta, si farebbe mantenere dagli amici e dalla casa discografica Arista con cui ha firmato nel 2001 un contratto da 100 milioni di dollari per la realizzazione di sei album.

L’ultimo album della cantante risale al 2009 e sembra che abbia già speso l’anticipo che le era stato dato per il nuovo disco.

Insomma Whitney Houston sarebbe una vera e propria homeless se gli amici non la stessero aiutando. Sembra che i problemi finanziari della cantante siano cominciati con la dipendenza dal crack: nonostante la cantante si sia sottosposta alla cura di disintossicazione pare che abbia ripreso a farne uso.

I problemi di droga della Houston non sono mai stati un segreto in realtà: già in occasione del suo tour del 2010 la cantante fu costretta a cancellare alcune date prevista per evidenti problemi di salute, fischiata dai fan per la sua voce irriconoscibile e la sua performance sotto l’effetto di alcool e droghe.

Naturalmente arriva la smentita del portavoce della cantante dalle pagine del Daily Mail: sembra infatti che la Houston abbia appena finito di girare il film Sparkle (sulla Supremes) di cui è anche produttore esecutivo. Quel che è certo che è guai per Whitney Houston sono cominciati con il rovinoso matrimonio con Bobby Brown.

Lascia un commento