Kate Middleton criticata per la sua magrezza in gravidanza

di Fabiana 217 views0

L’attenzione mediatica su Kate Middleton non accenna certo a placarsi soprattutto adesso che è in stato interessante.

Il royal baby, maschio o femmina, questo ancora non si sa, nascerà a luglio, ma la linea sfoggiata da Kate comincia a raccogliere più di qualche critica anche oltreoceano.

Us Weekly ha addirittura soprannominato la duchessa di Cambridge con l’appellativo “Regina delle Mamma-ressiche (Mamme Anoressiche)” accusandola chiaramente di mantenere abitudini alimentari dannose che metterebbero a rischio la salute del bambino.

C’è però chi si è affrettato a difendere Kate: fonti anonime vicine alla Duchessa spiegano che la forma invidiabile anche a sei mesi di gravidanza è data dal fatto che Kate è molto magra di costituzione. Da quando aspetta il royal baby avrebbe messo su solo sei chili… che Kate sia decisamente in forma e che abbia preso pochissimi chili si vede anche dalla foto che mostrano solo il primo accenno di rotondità con la pancia. A parte il viso che pare un po’ più paffuto del solito, la linea di Kate non è affatto appesantita.

C’è da dire che Kate in effetti è sempre stata di costituzione magra, ma è decisamente dimagrita da quando è stato annunciato il fidanzamento con il principe William andando a sfoggiate un vitino da vespa in occasione delle nozze reali trasmesse in mondovisione… si dice che abbia perso diversi chili e acquistato una nuova forma ancor più longilinea e diventando di fatto una nuova icona di stile e di bellezza, seguendo la famigerata dieta Dukan (spesso accusa di essere sbilanciata perché iperproteica).

KATE MIDDLETON, LA REGINA VIETA IL BABYSHOWER

E adesso, nonostante la gravidanza, Kate continua a prendere pochissimo peso. Il gossip viaggia veloce, ma francamente resta difficile credere che la duchessa possa fare qualcosa che danneggi la salute del nascituro: appare invece più probabile che sia seguitissima a livello alimentare anche per prendere poco peso magari anche a rischio di dare “un cattivo esempio”…

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>