Giovanni Vernia spiega perché ha cancellato l’imitazione di Fabrizio Corona

di Maris Matteucci Commenta

Giovanni Vernia spiega perché ha cancellato l'imitazione di Fabrizio Corona

Nella puntata di ieri di Zelig, gli spettatori hanno assistito alla esilarante imitazione di Fabrizio Coroma firmata da Giovanni Vernia.

Ma quella di ieri è stata l’ultima imitazione del re dei paparazzi: è stato lo stesso comico genovese ad affermarlo nel corso di una intervista a TvBlog.


Nell’intervista in questione, Giovanni Vernia spiega che imitare Fabrizio Corona stava diventando una cosa troppo complicata: troppe le vicende che hanno scompaginato la vita del re dei paparazzi e di conseguenza anche quella della sua caricatura. Giovanni Vernia lo spiega: “Nel giro di pochi giorni una serie di eventi hanno sconvolto la vita di Fabrizio Corona e di conseguenza anche quella del mio personaggio. I pezzi che avevo scritto risultavano vecchi ed obsoleti perché Zelig non è in diretta quindi stare dietro al susseguirsi di questi eventi così repentini diventava ancora più difficile“.

Insomma Giovanni Vernia non imiterà più Fabrizio Corona e sinceramente è un peccato perché la parodia del re dei paparazzi risultava particolarmente apprezzata dal pubblico. Giovanni Vernia racconta di essere stato contattato dal diretto interessato dopo la prima puntata di Zelig: “Mi ha chiamato dicendo che aveva apprezzato la mia imitazione. Mi ha chiesto un incontro ed ero felice perché lo avevo studiato solo su youtube mentre vederlo dal vivo avrebbe significato molto materiale in più“. Poi l’arresto di Fabrizio Corona ha fatto cambiare i piani dei due.

Fabrizio Corona avevo chiesto a Giovanni Vernia di continuare la sua imitazione anche qualora fosse andato in carcere. Il comico, invece, ha preso tutt’altro tipo di decisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>