L’Unità ha pubblicato porno patacche

di Cristina Baruffi 1

Alfonso Signorini interviene per difendere a spada tratta Silvio Berlusconi dopo la pubblicazione delle foto dei presunti festini di Arcore.

Ieri abbiamo pubblicato alcune foto estrapolate dalle feste organizzate dal Presidente del Consiglio, ma Alfonso Signorini interviene per difendere a spada tratta Silvio Berlusconi. Secondo il direttore di Chi L’Unità avrebbe pubblicato delle “porno patacche” perché le foto mostrate risalirebbero ad alcune feste fatte presso la residenza di Lele Mora o sarebbero state scattate durante un party di Halloween in una discoteca milanese.


Signorini dice che parte delle istantanee apparse sul quotidiano di sinistra sono state pubblicate proprio dal suo giornale il 23 novembre 2009 e che alcuni giornalisti hanno voluto far credere che certi episodi si sono verificati ad Arcore per gettare fango sul premier.
Nonostante questa difesa, gli scatti da noi pubblicati mostrano alcuni stralci della villa di Berlusconi, come la sala da pranzo e la piscina, quindi non si spiega come queste immagini siano state accomunate e perché Signorini sia così interessato a difendere la reputazioni del Papi nazionale.

Commenti (1)

  1. L’Unità per vendere qualche copia del suo giornale, deve necessariamente parlare del nostro più grande uomo di tutti i tempi dopo Giulio Cesare e lo fà parlandone male,come fa il partito accozzaglia che lo sostiene, ma quando si tratta di poterlo mandare a casa con certezza,(vedi guerra patacca il Libia in cui la lega era dissociata), allora, sapando bene di non essere in grado di governare l’Italia, lo sostiene a spada tratta, per poi denigrarlo di nuovo passato il pericolo e ricomposta la maggioranza, per non perdere la faccia nei confronti dei loro fossili elettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>