Divorzio Tom Cruise-Katie Holmes, tutti i retroscena!

di Maris Matteucci Commenta

La battaglia legale per il divorzio Tom Cruise-Katie Holmes è appena cominciata ma le indiscrezioni fioccano come neve...

La battaglia legale per il divorzio Tom Cruise-Katie Holmes è appena cominciata ma le indiscrezioni fioccano come neve.

Una cosa pare essere certa: non sarà una rottura indolore, quella tra i due divi di Hollywood, che puntano entrambi alla custodia esclusiva della piccola Suri, nata sei anni fa.


Molti i retroscena sul uno dei divorzi più chiacchierati degli ultimi tempi. E sui tabloid americani spuntano le congetture più disparate. Per esempio il New York Post, con un articolo firmato da Andrew Morton, parla di matrimonio fasullo organizzato da Scientology per i due attori: Kate Holmes si sarebbe impegnata a stare un minimo di cinque anni sposata con Tom Cruise e in cambio avrebbe ricevuto 3 milioni di euro l’anno più un bonus decisamente cospicuo in caso di nascita di figli.

KATIE HOLMES VIENE PEDINATA DA SCINETOLOGY

Katie Holmes, però, scaduti i cinque famosi anni di contratto avrebbe deciso di mollare, preoccupata proprio per l’influenza che Scientology avrebbe nella vita del marito. Per questo motivo avrebbe preso la piccola Suri e sarebbe fuggita via di casa, trasferendosi in un appartamento di New York vicino alla palestra frequentata dalla figlioletta e che avrebbe preso in affitto segretamente, ancora prima di comunicare al marito la volontà di divorziare.

TOM CRUISE DISPERATO PER LA CUSTODIA DI SURI

Ma secondo quanto riporta anche un altro giornale a stelle e strisce, il Radar on line, Tom Cruise non pare intenzionato ad arrendersi e tramite i suoi Legali si è già mosso per avere la custodia (almeno congiunta) della figlioletta. Questo divorzio promette (purtroppo) scintille…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>