Cartellone pubblicitario della Peta contro Kim Kardashian

di Maris Matteucci Commenta

Ecco le immagini del cartellone pubblicitario contro Kim Kardashian ideato dagli animalisti della Peta

Da giorni si parlava del famoso cartellone pubblicitario realizzato dagli animalisti della Peta contro Kim Kardashian ma soltanto oggi sul web si può vedere di che cosa si tratta.

La reginetta del reality americano, lo ricordiamo, era stata al centro di una lunga polemica per le numerose pellicce esibite in occasione dei più disparati eventi mondani.


Nel cartellone pubblicitario in questione gli animalisti della Peta hanno inserito una foto della Kardashian affiancata da due cuccioli di volpe ed uno slogan che recita: “These babies miss their mother. IS SHE ON YOUR BACK?” (traduzione: a questi cuccioli manca la loro madre. Forse è sulle tue spalle?).

Un modo drastico, dunque, per cercare di ostacolare l’amore della lolita americana per le pellicce. In effetti è lunghissima la lista delle occasioni in cui Kim Kardashian ha esibito i suoi costosissimi capi di abbigliamento e non è un caso, dunque, che gli animalisti della Peta (People for the Ethical Treatment of Animals) abbiano preso di mira proprio lei (guardate la galleria).

ELISABETTA CANALIS TESTIMONIAL A FAVORE DELLA PETA

A novembre Elisabetta Canalis si era prestata per una campagna pro-animali (sempre a favore della Peta, di cui è testimonial) nel centro di Milano dove aveva posato vicino al cartellone pubblicitario che la ritraeva nuda, circondata dallo slogan “Meglio nuda che in pelliccia“. Che anche Kim Kardashian possa tutto d’un tratto seguire la strada della ex fidanzata di George Clooney? A noi personalmente sembra molto difficile ma tutto può succedere e allora vale la pena dare alla ex moglie di Kris Humphries il beneficio del dubbio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>