Naomi Campbell picchia un fotografo italiano

di Stefania Russo Commenta

Che Naomi Campbell sia incline alla violenza e alle aggressioni fisiche lo sapevamo già visto che è stata più volte accusata e condannata..

naomi-campbell

Che Naomi Campbell sia incline alla violenza e alle aggressioni fisiche lo sapevamo già visto che è stata più volte accusata e condannata per non aver saputo controllare la sua ira, ma questa volta la vittima della venere nera è stato un fotografo italiano e la location dell’aggressione le isole Lipari dove la modella è in vacanza con il suo fidanzato, il milionario Mikhail Prokhorov.

Come siano andati i fatti è facilmente intuibile. Il fotografo italiano Gaetano Di Giovanni stava cercando di scattare alcune foto che ritraevano Naomi in vacanza in Italia con il suo fidanzato.


Non sappiamo se il fotografo sia stato particolarmente insistente o se semplicemente la modella non era in vena di essere fotografata, fatto sta che Naomi lo ha colpito violentemente con la sua borsa e ha cercato di dargli uno schiaffo.

Il fotografo ha raccontato di essere riuscito a sfuggire al ceffone ma Naomi si è scagliata contro di lui e gli ha graffiato il viso con le sue lunghe unghie che hanno finito per colpire un occhio del fotografo. Di Giovanni ha raccontato che non riusciva a vedere più nulla e che ha sentito Mikhail Prokhorov intervenire e portare via la Campbell.


Il fotografo è poi andato in ospedale dove gli hanno detto che erano necessari due giorni per guarire e di consultare un oculista per essere più sicuri.

Il fotografo ha detto di aver intenzione di trascinare Naomi in tribunale mentre alcuni portavoce della modella hanno fatto sapere che non c’è stata alcuna aggressione da parte di Naomi, secondo loro il fotografo avrebbe inventato tutto.

Non sappiamo quale sia la verità, certo i precedenti di Naomi non giocano a suo favore..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>