Giuliana De Sio racconta la sua malattia

di Fabiana Commenta

L’attrice racconta di essere profondamente cambiata dopo aver rischiato di morire

Qualche mese fa Giuliana De Sio ha rivelato di aver seriamente rischiato di morire.

L’attrice aveva scritto sul suo profilo Facebook che stava attraversando un periodo molto tragico della sua vita, “come donna e come attrice”: durante la tournée dello spettacolo La lampadina galleggiante a Lamezia Terme, l’attrice era stata ricoverata d’urgenza prima per una polmonite, poi per un’embolia polmonare.

A distanza di qualche tempo l’attrice, in un’intervista a Nuovo, racconta però che la sua esperienza, che per quanto terribile l’ha decisamente cambiata. L’attrice racconta di essere una persona molto diversa da prima: è inevitabile quando si rischia di morire. La sofferenza l’ha trasformata da un punto di vista umano e professionale e la malattia l’ha trasformata forse in una persona migliore.

Giuliana De Sio ha rischiato di morire

Durante la convalescenza Giuliana ha dovuto rinunciare al tour teatrale cui teneva moltissimo ed è stata licenziata (sostituita da Mariangela D’Abbraccio). Dal letto di ospedale si è resa conto di tutti i colleghi che l’hanno tradita solo per portare avanti lo spettacolo: persone che lei stessa aveva scelto come partner e che non hanno esitato ad abbandonarla.

Ma Giuliana si è presa la sua piccola rivincita dato che delle ottanta serate previste, ne sono state fatte solo venti.

Lo spettacolo in questione poi, La lampadina galleggiante di Woody Allen, era una creatura di Giuliana De Sio in qualche modo: lei aveva creduto nel testo acquistandone i diritti e quando ha chiesto che il tour fosse rimandato, è stata sostituita.

Giuliana De Sio è stata licenziata durante la convalescenza in ospedale

Nonostante ciò Giuliana ha ritrovato l’affetto di molti amici che le sono stati vicini, ma i medici le hanno ordinato di stare lontana dal teatro per almeno due anni dato che le causa troppo stress. Intanto l’attrice si divide fra gli impegni di lavoro, tra radio e televisione e tenta di dimenticare una vicenda che definisce “disgustosa” a livello umano.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>