Scarlett Johansson deve stare attenta a non ingrassare

di Fabiana Commenta

L’attrice ha rivelato di non sopportare le diete né di dover andare in palestra

Scarlett Johansson non sopporta di dover seguire diete né di dover andare in palestra.

L’attrice newyorkese ha infatti dichiarato di odiare alcune richieste legate al suo mestiere di attrice: tutti sul set si aspettano che lei arrivi magra ed esile, ma ciò comporterebbe dei grossi sacrifici per l’attrice che tra l’altro sostiene di odiare la disciplina ferrea e di detestare che qualcuno le dica esattamente come deve comportarsi.

Scarlett vorrebbe semplicemente non andare in palestra né curarsi di contare le calorie di quello che sta mangiando.

Scarlett Johansson vuole rifarsi

L’attrice è nota anche per le sue forme morbide e di certo non ambisce a diventare un modello di donna grissino, ma qualche sforzo dovrà pur farlo.
Insomma si prospetta un periodo non facile per Scarlett visto che a breve sarà sul set dei Vendicatori, nel ruolo della Vedova Nera che dovrà essere, per esigenza di copione, scattante e molto agile.

Anche da punto di vista sentimentale le cose non vanno alla grande per l’attrice 27enne.

Dopo il divorzio da Ryan Reynolds, lei ha avuto una storia chiacchierata con Sean Penn, ma è stata presto scaricata dall’attore.

A quel punto lei avrebbe cercato di riprendersi l’ex marito che però si sarebbe stancato di aspettarla e avrebbe cominciato a frequentare assiduamente l’attrice Blake Lively (a sua volta scaricata intanto da Leonardo Di Caprio).

La relazione sarebbe diventata molto seria al punto tale che Ryan e Blake vorrebbero andare a vivere insieme. E pare proprio che Scarlett detesti Blake per ovvi motivi.

Ma che se faccia una ragione senza tentare di affogare i dispiaceri nel cibo.

Photos: Getty, Wenn, INF Events

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>