Arisa racconta la sua infanzia difficile

di Maris Matteucci Commenta

Arisa racconta di avere avuto un passato difficile...

A vederla oggi, sempre sorridente mentre canta, si fa fatica a credere che Arisa sia stata una di quelle donne dal passato difficile.

Ed invece la ex giudice di X Factor, arrivata quest’anno seconda a Sanremo dietro a Emma Marrone, si racconta in una lunga intervista rilasciata a Tv Sorrisi e Canzoni nella quale afferma di avere sofferto molto da piccola.


I motivi sarebbero da ritrovare nel fatto che Arisa esteticamente sembrava già una ragazzina anche quando in realtà aveva appena 8 anni. La cantante dichiara che a sette anni già si truccava e a nove già fumava e aveva il seno. Così tutti la prendevano per una ragazzetta mentre lei era per la verità ancora molto piccola. Da qui, probabilmente, sono arrivati i disagi dell’adolescenza e quella voglia di rimanere bambina che tutti hanno ritrovato anche nella “prima” Arisa, quella che ha raggiunto la notorietà sul palco dell’Ariston con la canzone Sincerità dove si nascondeva dietro a quegli occhiali da sole spessissimi e vestiti molto retrò.

ARISA E’ COMPLESSATA DAL SENO TROPPO GRANDE

Oggi Arisa (all’anagrafe Rosalba Pippa) può definirsi una donna tutto sommato felice che ha voglia di giocare per capire realmente chi è. Da poco ha comprato un piccolo appartamento nella periferia di Milano e per acquistarlo ha dovuto accendere un mutuo: “Lo scriva – dice al giornalista di Tv Sorrisi e Canzoni – non abbiano a pensare che sia diventata ricca facendo musica“.

Arisa è un fiume in piena, in attesa di sapere se sarà riconfermata tra i giudici della prossima stagione di X Factor: per il momento l’obiettivo principale è quello di scrivere il suo secondo libro e trovare il regista per l’adattamento cinematrografico del primo, intitolato “Il Paradiso non è un granché“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>