Chiara Galiazzo scartata ai provini di X Factor l’anno scorso

di Maris Matteucci Commenta

Chiara Galiazzo scartata ai provini di X Factor l'anno scorso

Chiara Galiazzo ha vinto X Factor 6 e il suo inedito Due Respiri (di cui vi proponiamo la copertina) è già in testa alla classifica di iTunes.

La cantante allieva di Morgan si racconta in una lunga intervista rilasciata al settimanale Vanity Fair che uscirà oggi in edicola con il nuovo numero. E tra le numerose cose rivelate dalla padovana, ce ne è una che fa sorridere: l’anno scorso Chiara Galiazzo era stata scartata ai provini di X Factor, “bocciata” dagli stessi giudici che quest’anno invece l’hanno spinta e osannata fino alla fine.


Strana la vita, dice lei. Che poi aggiunge una cosa di base giusta: per essere presi ai talent occorre sì essere bravi, ma è ancora più indispensabile una bella dose di fortuna. Quando le chiedono cosa è cambiato in lei dall’anno scorso (quando è stata scartata) a questa estate (quando invece è stata accolta a pieni voti), Chiara Galiazzo risponde con il sorriso: “Forse può aver pesato. Sono andata in pantaloni e maglione, magari non li ho colpiti“.

Dopo la vittoria ad X Factor 6 – che gli è valsa anche un contratto discografico di trecentomila euro – Chiara Galiazzo spera di poter rimanere più a lungo possibile nel mondo della musica. La padovana confessa di sognare di diventare “una cantante che dice cose intelligenti con una bella musica sotto“.

Intanto ha vinto e convinto nel talent show di Sky condotto da Alessandro Cattelan. Il suo inedito è stato scritto da Eros Ramazzotti che ha partecipato anche come ospite alla finale. Curiosità: Chiara Galiazzo era stata scartata anche ai provini di Amici, nel 2008. Così come Arisa, che lo aveva confessato durante la diretta di un delle puntate di quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>