Processo Michael Jackson: la versione di Conrad Murray non regge

di Eliana Tagliabue Commenta

Il medico Conrad Murray, accusato di aver direttamente provocato la morte di Michael Jackson, continua a fornire versioni dei fatti che faticano a stare in piedi...

Il medico Conrad Murray, accusato di aver direttamente provocato la morte di Michael Jackson, continua a fornire versioni dei fatti che faticano a stare in piedi: secondo la difesa, infatti, il dottore avrebbe somministrato alla star degli anestetici in seguito a un suo malessere accusato alle 4.00 della mattina.

La cosa sarebbe avvenuta per volontà stessa del cantante, che aveva assolutamente bisogno di riposare in vista delle fatiche del giorno dopo: Conrad ha dichiarato che Jackson aveva sviluppato una forte dipendenza dal Propofol ancor prima che lui iniziasse a seguirlo e che lui, come medico, cercava in tutti i modi di guarirlo dalla cosa utilizzando sedativi molto leggeri.

Conrad ha poi dichiarato che, accortosi che il cantante non respirava più, sarebbe subito corso a cercare aiuto, ma qualcosa non torna: Michale Jackson ha smesso di respirare alle 11.00 e l’ambulanza è stata chiamata alle 12.20, di conseguenza non ci si può far a meno di chiedersi cosa sia accaduto in quel lungo lasso di tempo e perché attendere così tanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>