Le cantanti che hanno guadagnato di più nel 2012

di Maris Matteucci Commenta

Le cantanti che hanno guadagnato di più nel 2012 secondo Forbes

La rivista Forbes ha reso nota la classifica delle cantanti che hanno guadagnato di più nell’anno che ci stiamo appena lasciando alle spalle.

Cifre da capogiro e primo gradino del podio che va a Britney Spears. La cantante americana, a distanza di anni, si riprende dunque la sua rivincita: solo nell’ultimo anno, l’ex adolescente prodigio mette insieme qualcosa come 58 milioni di dollari.


Nel suo caso proprio di rivincita si tratta visto che gli ultimi anni per la cantante di Baby one more time non sono certo stati semplici. Prima i problemi che l’hanno costretta a rinchiudersi in un rehab, poi la delicata situazione con il marito. Insomma Britney Spears sembrava essere destinata ad un futuro tutt’altro che roseo. Ed invece ecco il colpo di coda che le vale il primo posto nella classifica stilata da Forbes. Dietro di lei ecco che fa capolino la giovanissima Taylor Swift che perde il primo posto per un solo milione di euro: 57 quelli guadagnati nel 2012. Il podio lo completa Rihanna, cantante originaria delle Barbados che ultimamente fa notizia più per le sue intemperanze che per altro. Il 2012, comunque, per lei è stato un anno particolarmente fruttuoso con 53 milioni di euro guadagnati.

LE VIP PIU’ RICERCATE DELL’ANNO SECONDO YAHOO

E Lady Gaga? La cantante italo-americana deve accontentarsi di 47 milioni di euro guadagnati e del quarto posto in classifica. Dietro di lei troviamo Katy Perry (che di milioni ne ha messi insieme 45) e l’intramontabile Beyonce che si insedia al sesto posto con 40 milioni di dollari messi in saccoccia. Infine, all’ottavo posto, ecco che troviamo la neo-mamma Adele che chiude l’anno con un fatturato di 35 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>