Paris Hilton e Doug Reinhardt si sono lasciati

di Stefania Russo Commenta

E' ufficiale, Paris Hilton e il suo ormai ex fidanzato Doug Reinhardt si sono lasciati. Che Paris sia una persona capricciosa e viziata..

doug-e-paris

E’ ufficiale, Paris Hilton e il suo ormai ex fidanzato Doug Reinhardt si sono lasciati. Che Paris sia una persona capricciosa e viziata è cosa nota ma questa volta sembrava davvero che insieme a Doug avesse trovato il vero amore e, soprattutto, una persona capace di apprezzarla ed amarla in tutto e per tutto.

I due si dicevano innamorati follemente l’uno dell’altro, Doug chiamava Paris il suo angelo biondo e già si parlava di figli e di matrimonio, per non parlare del via libera della madre di Paris che aveva definito Doug una persona stupenda.


La storia è durata sei mesi, un periodo in cui i due sono stati protagonisti di foto e video in cui non facevano altro che scambiarsi effusioni e tenersi la mano, è proprio per questo motivo che la loro rottura era assolutamente inaspettata ed è arrivata come un fulmine a ciel sereno.


La notizia è stata confermata da un portavoce della famiglia Hilton che ha confermato le voci della rottura tra i due e ha affermato che in ogni caso Paris e Doug hanno deciso di rimanere amici e chiedono a tutti che venga rispettata la loro privacy.

I motivi della rottura non sono ancora noti ma, tuttavia, è probabile che centri qualcosa “The Hills“, il telefilm reality trasmesso su MTV di cui Doug è uno dei protagonisti. Paris, infatti, aveva attaccato “The Hills” definendolo un programma falso e dichiarando che non voleva assolutamente che Doug continuasse a prenderne parte.

Probabilmente nonostante l’innamoramento a Doug non deve essere affatto piaciuto l’atteggiamento di Paris e la sua smania di voler sempre decidere anche per gli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>