Heidi Klum e Seal divorziano

di Fabiana 2

La modella e il cantante divorziano dopo sei anni di matrimonio e tre figli

Heidi Klum e Seal divorziano.

Dopo Jennifer Lopez e Marc Anthony, Demi Moore e Ashton Kutcher, Katy Perry e Russell Brand e dopo Johnny Depp e Vanessa Paradis (forse), adesso arriva anche la separazione fra una delle coppie interrazziali più solide e meglio assortite.

La notizia non è stata ancora ufficialmente confermata, ma in città la notizia gira già da diverso tempo: sembra che la bionda modella tedesca presenterà alla Suprema Corte di L.A. La richiesta di divorzio dal marito Seal.

Alla base della richiesta ci sarebbero per Heidi “differenze inconciliabili” (gli stessi motivi presentati da Russell Brand). Eppure la coppia era sempre apparsa molto affiatata e innamorata in molte occasioni. Le modella e il cantante britannico si sono sposati il 10 maggio 2005 con una cerimonia segreta.

La coppia ha tre figli, Henry Samuel (nato nel 2005), Johan Samuel (nato nel 2006) e Lou Samuel (nata nel 2009). Seal ha inoltre adottato Leni, la figlia che Heidi ha avuto da una precedente relazione (sembra sia figlia di Flavio Briatore, ma la paternità non è mai stata accertata scientificamente).

E dire che fino a questo momento la coppia non aveva mai dati segno di crisi rinnovandosi anno dopo anno i voti matrimoniali. Prima della nozze con Seal, Heidi, classe 1973, aveva avuto una relazione con Anthony Kiedis, cantante dei Red Hot Chili Peppers e con Flavio Briatore.

Modella e musa per ben 13 anni di Victoria’s Secret (che lascia nel 2010), Heidi Klum, che nel 2008 ha assicurato le gambe per 2 milioni di dollari, è anche stilista, conduttrice televisiva.

Commenti (2)

  1. nooooooooooooooooooooo

    paragliola valeria

  2. ciao valeria potrei kiederti una cosa importante?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>