Alessandra Mussolini ammonisce la Carfagna

di Cristina Baruffi 1

La Mussolini decide di dire la sua su questa relazione clandestina e chiede alla Carfagna di porgere pubbliche scuse alla moglie del deputato finiano ora che la liaison è diventata di dominio pubblico.

La relazione tra Italo Bocchino e Mara Carfagna ha fatto molto discutere, soprattutto dopo che il ministro della Pari Opportunità non ha confermato il tradimento ai danni di Gabriella Buontempo per salvare il suo imminente matrimonio con Mezzaroma.
Alessandra Mussolini ha sempre detto di non sopportare l’ex valletta, soprattutto dopo aver scattato delle foto in Parlamento in cui la Carfagna parlava amabilmente con Bocchino incurante di quello che stava accadendo.
La Mussolini decide di dire la sua su questa relazione clandestina e chiede alla Carfagna di porgere pubbliche scuse alla moglie del deputato finiano ora che la liaison è diventata di dominio pubblico.


Alessandra ha parole dura verso la collega e sostiene che vista la situazione così complicata dovrebbe fare ammenda così come ha fatto Bocchino la scorsa settimana durante la diretta di “Che tempo che fa” da Fabio Fazio.
La dichiarazione è stata rilasciata ai microfoni di Radio 24 dicendo:”Penso che un matrimonio, in presenza di figli, vada sempre preservato. Ma la Carfagna ha colpe anche lei, si tradisce sempre in due. O volete farmi credere che lei non sapesse che lui aveva una famiglia?“.

Commenti (1)

  1. Se la Mussolini pensasse a lavorare di più e non a fare pettegolezzi che non interessano a nessuno, ma che servono solo a screditare gente che vuole vivere la sua vita in pace, forse questa bellissima Italia starebbe meglio.
    Del resto non ci si poteva aspettare altro da un soggetto del genere. Forse ricordo male, ma non era stata lei, in tempi lontanissimi, a posare con le tette da fuori su un giornale straniero. Pettegolezzo porta pettegolezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>