Ruby, l’egiziana del Bunga Bunga

di Raffaella Belladonna 2

Questa ragazza, minorenne fino a Giovedì 11 Novembre, ha raccontato di essere stata a casa di Silvio Berlusconi..

Come vediamo nel loghettino, le foto sono state pubblicate sul sito di Novella2000 e presentano Ruby, la ragazza nord africana (non marocchina come tutti dicono) che in questi giorni sta regalando al nostro amato premier non pochi grattacapo.

Questa ragazza, minorenne fino a Giovedì 11 Novembre, ha raccontato di essere stata a casa di Silvio Berlusconi ad Arcore 3 volte ricevendo in 3 mesi 150 mila euro in contanti. L’attendibilità di queste dichiarazioni è ancora da verificare, ma la ragazza sembrerebbe aver descritto in maniera precisa tutto quello che avveniva all’interno della villa di Arcore.



Ruby afferma che nella villa del premier erano presenti una ventina di ragazze tra cui alcune modelle, famose conduttrici televisive e due ministre. La showgirl minorenne che dalle foto sembra essere molto spigliata e disinibita afferma che ad un certo punto della serata il premier proponeva il gioco del Bunga Bunga, ovvero un “gioco di società” insegnatogli dal dittatore libico Gheddafi.

Nell’indagine in cui sono indagati al momento solo Lele Mora, Emilio Fede e Nicole Minetti (igienista dentale convertitasi alla politica per entrare nel consiglio della Regione Lombardia) per favoreggiamento alla prostituzione, si descrive una vicenda legata alla minorenne Ruby la quale era stata fermata dalle forze dell’ordine per un piccolo furto, ma qualche minuto dopo alla centrale operativa è arrivata una telefonata da Palazzo Chigi grazie alla quale la ragazza è stata lasciata libera di andarsene.

A rigor di cronaca dobbiamo informare che essere indagati non significa essere colpevoli, ricordiamo infatti che anche il principe Vittorio Emanuele era stato anche in galera per favoreggiamento alla prostituzione per poi essere prosciolto da ogni accusa con la formula “il fatto non sussiste”.

Commenti (2)

  1. C’è da tremare !!!!!… Fra un BUNGA BUNGA e un altro BUNGA BUNGA faremo la riforma della giustizia! …. Nomineremo una commissione per stabilire chi sono i giudici buoni e quelli cattivi!…e tante altre cose serie di Stato! Per esempio … Una autoritaria telefonata alla polizia per “liberare” e dare protezione alla gnocca di turno specialmente se la minorenne e una bella marocchina! E perché no ancora un BUNGA BUNGA e poi … Faremo una legge sulle intercettazioni ….. il parlamento capirà! E ancora un altro BUNGA BUNGA E via dicendo ……Poi un Lodo Alfano perché già di seccature c’e ne sono tante! e ancora .. attenzione! nessun giudice si permetta di intervenire sul comportamento di un grande statista “eletto dal popolo” e “orgoglioso del suo stile di vita .. nei suoi momenti di relax” e se lo fa è certamente un giudice politicizzato! …. “Un macigno sulla democrazia!” ….. C’è da tremare !!!!!…

  2. SULLA VICENDA BUNGA BUNGA CREDO DI AVERE CAPITO TUTTO! – Non c’era certamente bisogno di qualche bravo avvocato si disturbasse a spiegare che si tratta di una “Incredibile strumentalizzazione di una banale telefonata” “Quando saranno resi noti gli atti documentali e testimoniali sarà agevole comprendere la risibilità degli attuali assunti giornalistici” – E’ TUTTO CHIARO! – il magistrato dei minori di turno quella sera era sicuramente comunista! – i funzionari di polizia erano sicuramente comunisti! – tutti gli italiani che non credono alla buona fede del premier sono tutti comunisti! – io suggerirei al parlamento di promulgare immediatamente un nuovo LODO RUBY BUNGA BUNGA! – Basterà cambiare, per la fortunata marocchina, la legge n. 39 dell’8 marzo 1975 che stabilisce che la maggiore età si acquisisce a 18 anni, con un LODO RUBY BUNGA BUNGA che abbassi la maggiore età a 17 ANNI! – e con una normalissima legge ad personam che ormai non scandalizza più nessuno, neanche i comunisti, tutto è risolto! – così si può continuare a legiferare tranquillamente e continuare a vivere tutti felici e contenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>