Melissa Satta soffre per amore

di Maris Matteucci Commenta

Melissa Satta ha postato su Twitter una frase che ha destato più di una curiosità tra gli appassionati di gossip: l'amore fa soffrire sempre...

Melissa Satta è stata una delle protagoniste assolute del gossip dell’estate 2011: dopo la rottura con l’ex calciatore Christian Bobo Vieri, infatti, la ex velina di Striscia la notizia è stata accostata ad una serie lunghissima di uomini da lei sempre bollati con l’etichetta di amici.


Melissa Satta ha dichiarato per tutta l’estate di essere single definendosi non ancora pronta ad una nuova relazione, dopo la rottura con quello che era stato il suo fidanzato storico Vieri. Poi però i paparazzi l’avevano immortalata in atteggiamenti inequivocabili con l’imprenditore Gianluca Vacchi, di molti anni più grande di lei, e il cerchio si era chiuso.

MELISSA SATTA INSIEME A GIANLUCA VACCHI

E adesso? Melissa Satta ha postato sul suo profilo Twitter una frase che lascia presagire qualcosa di poco positivo: la frase scritta da Melissa recita qualcosa come “L’amore fa soffrire… Perché deve essere sempre cosi?!”. Ovviamente non ci è dato sapere a cosa la bellissima sarda si stia riferendo: forse a quello che a ragion di popolo avevamo identificato come il suo nuovo compagno (Gianluca Vacchi, appunto?). O forse Melissa sta solo ripensando al suo ex e ai tempi belli che furono?

Alle pene d’amore che a quanto pare le creano qualche preoccupazione, però, la ex valletta di Controcampo sembra saper reagire benissimo. Non molto tempo fa è stata infatti paparazzata all’uscita di un locale di Milano in compagnia del noto giocatore di basket Kobe Bryant; successivamente i fotografi del settimanale Top l’hanno immortalata mentre a Roma si divertiva in discoteca in compagnia di un amico “speciale”. Beata gioventù…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>