Miriana Trevisan vive con la scorta

di Maris Matteucci Commenta

Miriana Trevisan vive con la scorta

Miriana Trevisan vive con la scorta: da quando fa coppia fissa con il consigliere regionale della Sinistra Ecologia e Libertà Giulio Cavalli, la showgirl si è dovuta adattare ad uno stile di vita sicuramente diverso da quello che aveva prima.

Ma a lei non importa perché per vivere al fianco del suo nuovo compagno sarebbe disposta a tutto: “Non è stato semplice abituarmi all’idea di vivere con la scorta – ha raccontato al settimanale Visto – ma Giulio Cavalli, l’uomo che mi ha restituito la felicità, ha ricevuto minacce dalla mafia e quindi con noi c’è sempre qualcuno che ci sorveglia: ma io per lui affronterei qualsiasi rischio“.


La storia con Giulio Cavalli, insomma, procede a gonfie vele e gli strascichi della fine del matrimonio con il cantante Pago (dal quale ha anche avuto il piccolo Nicola) sono ormai solo un ricordo sbiadito. Miriana Trevisan è al settimo cielo per aver ritrovato la felicità dopo un periodo pesante a livello sentimentale. La storia con Pago era finita già da un pezzo ma si è conclusa ufficialmente solo lo scorso settembre.

MIRIANA TREVISAN SPIEGA I MOTIVI DELLA SEPARAZIONE DA PAGO

La showgirl e il cantante hanno cercato di mantenere stretto riserbo sulla questione in parte riuscendoci visto che la notizia della fine del matrimonio tra i due è stata resa pubblica soltanto un paio di mesi fa complice la prima paparazzata della ex lolita di Non è la Rai proprio con Giulio Cavalli. Poco male per Pago, però, che al pari della sua ex moglie si è già rifatto una vita. La fortunata è Serena Enardu, vecchia conoscenza di Uomini e donne: i due non sono ancora usciti allo scoperto ma stando ai primi rumors fanno coppia fissa ormai da qualche settimana e sono stati paparazzati spesso e volentieri per i locali della Sardegna, dove Pago è tornato ad abitare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>