Emiliano Mondonico racconta di come ha sconfitto il tumore

di Maris Matteucci Commenta

Emiliano Mondonico era ospite a Mattino 5 dove ha raccontato la sua lunga malattia

Per una volta lasciamo da parte gli argomenti strettamente più frivoli per dare spazio ad una bella storia, quella di Emiliano Mondonico che stamattina era ospite nella trasmissione di Federica Panicucci Mattino 5.

L’ex tecnico dell’Albinoleffe era stato operato la scorsa primavera per un tumore: adesso sembra stare bene, ha ripreso la sua vita e nel programma di canale 5 ha voluto raccontare la sua esperienza.


Emiliano Mondonico ha puntato l’attenzione sull’importanza della prevenzione: nel suo caso, infatti, non c’era alcun sintomo che potesse fargli anche solo intuire quanto invece lo aspettava. “Soltanto un po’ di pancetta che dava più che altro fastidio a mia moglie“, ha detto scherzando Emiliano Mondonico. Ed invece quella pancetta gonfia nascondeva qualcosa di molto più pericoloso.

EMILIANO MONDONICO, TUMORE ANCORA DA SCONFIGGERE

L’ex tecnico dell’Albinoleffe è stato operato due volte, l’ultima il 14 di luglio. Racconta che il secondo intervento sembrava dovesse essere più leggero del primo ed invece così non è stato: solo dopo molte settimane di convalescenza e continui controlli è potuto tornare ad una vita quasi normale.

Adesso l’allenatore che l’anno scorso ha portato l’Albinoleffe alla salvezza nel campionato di serie B guarda con ottimismo al futuro e non si dimentica di ringraziare pubblicamente tutte quelle persone che gli sono state vicino durante la malattia. Per esempio i tifosi che, senza bandiera, si sono schierati al suo fianco per sostenerlo in un momento così difficile. E ovviamente sua moglie e la sua famiglia che lo hanno sempre accompagnato in questa lunghissima avventura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>