Pistorius ha ucciso la fidanzata perché era incinta?

di Maris Matteucci Commenta

Pistorius ha ucciso la fidanzata perché era incinta?

Tralasciamo il gossip vero e proprio per parlare di un caso piuttosto triste che ha portato Oscar Pistorius in carcere dopo l’uccisione della fidanzata Reeva Steenkamp.

In questi giorni si stanno facendo mille ipotesi sui motivi che avrebbero indotto l’atleta paralimpico a compiere un gesto così folle. E l’ultima pista resa pubblica oggi dal tabloid britannico Daily Star porterebbe ad una gravidanza in corso della modella.


Sarebbe stata proprio questa notizia, secondo quanto riportato in esclusiva dal giornale inglese, a fare impazzire Oscar Pistorius. “La polizia crede che la gravidanza rivelata dalla donna sia stato il motivo che ha fatto uscire di testa Pistorius. L’atleta a quel punto ha perso le staffe e l’ha uccisa con colpi di arma da fuoco alla testa, al petto, al bacino e alla mano“, ha rivelato la fonte anonima agli inquirenti. Il Daily Star continua a riportare informazioni sulla tragedia, sempre in forma anonima:Si pensa che Reeva Steenkamp possa averlo detto a Pistorius la stessa notte dell’omicidio. Reeva sarebbe stata felicissima nelle ore precedenti all’omicidio e non vedeva l’ora di raccontare la cosa a Oscar Pistorius“.

C’è da dire che la famiglia della vittima è già intervenuta con una nota ufficiale per smentire categoricamente la notizia appellandosi al fatto che se gravidanza in corso ci fosse stata sarebbe stata senza dubbio rilevata dall’autopsia alla quale la vittima è stata sottoposta.

Sono questi, insomma, gli ultimi elementi emersi in una vicenda che ha ancora molti lati oscuri. Oscar Pistorius, lo ricordiamo, ha ucciso la fidanzata nel giorno di San Valentino. Inizialmente si era parlato di tragedia avvenuta accidentalmente – con l’atleta che aveva sparato convinto che in casa ci fossero dei ladri – ma ben presto la cruda verità è venuta a galla. Oscar Pistorius ha ucciso la fidanzata Reeva Steenkamp volontariamente. I motivi – ammesso che di motivi ce ne possano essere – restano ancora incomprensibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>