Miley Cyrus si scusa

di Luca Paolini 4

Durante un’intervista nello show radiofonico Good morning America l’attrice e cantante Miley Cyrus, che era presente..

Miley CyrusDurante un’intervista nello show radiofonico Good morning America l’attrice e cantante Miley Cyrus, che era presente per promuovere il suo nuovo album “Breakout” e il nuovo film di Hannah Montana, si è scusata pubblicamente per le foto ormai famose in cui appariva con la schiena nuda apparsa in un numero passato dell’edizione americana di Vanity Fair.

Miley ha ammesso che si è trattato di un errore e che ha preso la cosa con troppa leggerezza facendo sì che la gente pensasse, sbagliando, che cercava di sembrare più adulta di quello che era e che cercava di raggiungere un pubblico più adulto, a dispetto della sua giovanissima età. L’episodio delle foto incriminate ha creato un vero e proprio scandalo che non si è ancora del tutto placato.



La piccola Miley tiene a precisare che ha passato un periodo difficilissimo e che la gente non deve scordare che per quanto possa essere una star ha pur sempre 15 anni e che non è la cosa più facile del mondo reggere un mare di gossip e di commenti negativi.

Sono sicuro che d’ora in poi Hannah Montana starà molto più attenta alle sue scelte. Anche perché altrimenti alla Disney potrebbero arrabbiarsi parecchio e cacciarla senza pensarci due volte!

Gianlu

Commenti (4)

  1. mi piace molto miley. Si ha sbagliato ma vi dico solo il lato positivo è più vestita di quanto lo era vanessa, è una ragazza lasciatela comortare un pò come tale non come una super star a volte i cani devono stare senza guinzaio

  2. lascitela in pace non ha fatto assolutamente niente di male

  3. si è vero lasciatela a tutti é concesso un pç di libertà.

  4. Avete ragione…..vai miley e fai vedere chi sei!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>