George Clooney ammette di essere stato gelosissimo di Elisabetta Canalis

di Maris Matteucci Commenta

George Clooney ammette di essere stato gelosissimo della ex fidanzata Elisabetta Canalis

La rottura tra George Clooney e Elisabetta Canalis risale ormai a quasi un anno fa ma ancora c’è chi a quella coppia (ormai scoppiata) è molto affezionato.

E così succede che una dichiarazione “carpita” all’attore americano sulla sua ex fidanzata possa in pochissimo tempo fare il giro del web scatenando chiacchiericci all’infinito.


George Clooney, parlando con alcuni amici dopo una cena in onore di Cameron tenutasi alla Casa Bianca alla quale aveva partecipato, avrebbe ammesso di essere stato molto geloso di Elisabetta Canalis che – a causa del suo lavoro – era perennemente circondata e corteggiata da uomini. “Gli italiani sanno essere molto seduttivi con le donne e dunque sono potenzialmente pericolosi“, avrebbe detto l’attore di Hollywood a parziale giustificazione della sua marcata gelosia nei confronti della showgirl.

FOTO ELISABETTA CANALIS IN COSTUME SU TWITTER

In particolare George Clooney sarebbe stato infastidito dalla presenza di Yurj Buzzi, che la bella Elisabetta aveva conosciuto sul set di uno spot girato insieme a lui per la più famosa marca di cioccolatini e merendine italiana: uno spot che la ex velina di Striscia la notizia aveva portato a termine proprio nel bel mezzo della storia d’amore con George Clooney e che avrebbe portato a qualche incomprensione tra lei ed il compagno americano.

Insomma si era sempre parlato della eccessiva gelosia di Elisabetta nei confronti del bel George ed invece oggi, a quasi un anno di distanza, veniamo a sapere che la gelosia era almeno reciproca. Peccato che ormai ognuno abbia preso la sua strada e non ci sia più modo di vederli fianco a fianco…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>