Alessandra Martines si sente Madame Bovary

di Fabiana 1

L’ex moglie di Lelouch parla per la prima volta della sua relazione con Cyril Descours, 28 anni

Madame Bovary sono io: scriveva così Gustave Flaubert nel 1887 per rispondere alle accuse di oltraggio alla morale mosse al suo romanzo, Madame Bovary, tragica storia di una donna alla disperata ricerca dell’amore che finisce per annientare sé stessa.

Ma oltre a Flaubert evidentemente anche Alessandra Martines si sente un po’ Madame Bovary e lo dice chiaramente dalle pagine del nuovo numero di Vanity Fair.

L’ex ballerina e ora attrice, 48 anni, parla per la prima volta la sua nuova storia d’amore con il giovane Cyril Descours, 28 anni, francese, partener della giovane Emma Watson nella pubblicità di Trésor Midnight Rose.
Per la prima volta la coppia esce allo scoperto svelando che la loro relazione dura da ben tre anni.

Nel 2009 Alessandra si è separata, dopo 16 anni di matrimonio e una bambina, Stella, che oggi ha 11 anni, dal regista francese Claude Lelouch che di anni ne ha 74, accusandolo di egoismo e crudeltà.

Adesso però la ex ballerina ha ritrovato il sorriso, e che sorriso, accanto al suo giovane compagno.
Dalle pagine di Vanity Fair, la coppia chiarisce le solite cose e cioè che la differenza d’età non ha importanza, che si amano alla follia, che si riempiono vicendevolmente di attenzioni…

Lui racconta di essersi innamorato di lei vedendola recitare nel film di Leloouch Per caso o per azzardo.
D’altra parte la Martines difende coraggiosamente la sua storia d’amore dichiarando che alcune sua amiche hanno commesso l’errore di essersi sposate per ben tre volte di seguito con noiosi uomini dalle stesse caratteristiche.

Di certo la noia mancherà per il momento nella vita di Alessandra che si è lanciata con entusiasmo in questa sua nuova storia (naturalmente con il beneplacito della figlia) e che sta finendo di arredare la nuova casa insieme al giovane compagno.

Commenti (1)

  1. Ma la Martines non era ancora sposata nel 2008?poi era il marito ad essere il fanfarone della situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>