Julia Roberts intervista Hilary Clinton

di Eliana Tagliabue Commenta

Julia Roberts come inviata speciale non si era mai vista, men che meno quando la sua missione è intervistare il segretario di Stato americano, nonché moglie dell’ex presidente degli Stati Uniti...

Julia Roberts come inviata speciale non si era mai vista, men che meno quando la sua missione è intervistare il segretario di Stato americano, nonché moglie dell’ex presidente degli Stati Uniti.
Già, perché la bella attrice ha aderito di buon grado alla proposta della trasmissione sulle mamme moderne di Oprah Winfrey, che ha mandato Julia ad intervistare Hilary Clinton, la cui fondazione vede come ambasciatrice proprio la Roberts.

La Repubblica ha riportato il testo dell’inedita intervista, nella quale Hilary risponde alle domande dell’attrice, parlando della propria carriera e del rapporto con sua figlia.
L’ex First Lady ha affermato che Chelsea è da sempre la sua migliore insegnante, perché ha saputo lanciarle le sfide migliori e l’ha sempre spinta a superare le difficoltà; ha scherzato sul fatto che da neonata piangeva sempre, al punto che Hilary le ha detto: “Guarda tu non sei mai stata una bambina prima e io neppure ho mai fatto la mamma. Mi sa che dobbiamo lavorarci un bel po’, insieme”.

Julia Roberts ha poi voluto sapere come la signora Clinton risponderebbe a quelle mamme che si sentono perennemente colpevoli nei confronti dei figli, vittime della mania di perfezionismo tipica di questi tempi: Hilary ha ribattuto che, secondo lei, i figli portano inevitabilmente degli scompensi nella vita di una donna e che pertanto non ha senso pensare che tutto possa restare come prima, ma è invece più bello accettare il cambiamento e godersi questa cosa unica e meravigliosa che è il proprio figlio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>