Kasia Smutniak parla del suo amore per Domenico Procacci e si difende dalle accuse di aver dimenticato Pietro Taricone

di Fabiana Commenta

L’attrice, legata a Domenico Procacci dopo la morte del compagno Pietro Taricone, parla della sua vita privata

Kasia Smutniak, scelta come madrina per la prossima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, parla per la prima volta apertamente del suo rapporto con il produttore Domenico Procacci.

Intervistata da Vanity Fair, l’attrice polacca racconta il dolore, mai sopito della morte del suo compagno, Pietro Taricone, scomparso in seguito a un tragico incidente con il paracadute due anni fa.

Ma dallo scorso anno l’attrice sembra aver ritrovato il sorriso accanto a Procacci, anche per il bene della figlia Sophie, nata dalla relazione con Taricone. Si parla di nozze con il produttore, amico di lunga data di Kasia così come lo era di Pietro con cui condivideva la passione per lo sport. Ma l’attrice cerca di difendersi dalle accuse di quanti sostengono che abbia dimenticato velocemente Pietro e abbia deciso di rifarsi subito una vita.

Kasia Smutniak madrina alla mostra del cinema di Venezia

Mi dispiace che si facciano delle semplificazioni, che si tirino conclusioni, che si voglia vedere sempre e a tutti i costi l’happy end” dice Kasia, perché la verità è ben diversa. La verità è che l’attrice cerca di difendere e proteggere sé stessa, la figlia e la famiglia di Pietro dalla cattiveria delle persone, pronte subito ad accusarla di aver dimenticato troppo velocemente il suo compagno.

In realtà per Kasia è un lavoro quotidiano riuscire a “tenere insieme il ricordo e l’amore di chi c’era con quello per chi c’è”. Ed è un compito duro che coinvolge non solo lei, ma anche Sophie e Domenico che è sempre riuscito a darla la forza di non arrendersi e di andare avanti.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>