Lindsay Lohan chiede 100 milioni di risarcimento

di Marina Pellegrino Commenta

Un gioco di parole per il quale Lindsay ha chiesto 100 milioni di dollari come risarcimento alla E-Trade, la società dello spot trasmesso..

E no! Quando è troppo è troppo! avrà pensato Lindsay Lohan. Va bene tutto, ma esser presa in giro anche da due neonati va decisamente oltre ogni umana tolleranza.

Ovviamente una presentazione della vicenda molto scherzosa, solo che l’attrice e cantante statunitense s’è infuriata sul serio. Chiaramente non con in bimbi in questione ma con la società finanziaria che durante l’ultimo Super Bowl – visto in tutta America da milioni di persone – ha fatto girare il video di uno spot in cui le due creature, un maschietto ed una femminuccia, precoci fidanzatini che parlano attraverso i rispettivi computer, discutono di cose “serie”.



Lei accusa lui, assiduo giocatore in borsa, di averla tradita con una certa Lindsay. Ad un certo punto, sospettosa, gli chiede: “Che fine ha fatto la milkaholic Lindsay?” intendendo per milkaholic una alcolizzata / drogata di latte.

Un gioco di parole per il quale Lindsay ha chiesto 100 milioni di dollari come risarcimento alla E-Trade, la società dello spot trasmesso. Il suo avvocato ha fatto sapere che non è necessario specificare anche il cognome per capire che il video fa proprio riferimento alla sua cliente, il nome da solo è già più che sufficiente. E di chi altri avrebbero potuto parlare se non della Lohan, visto che anche i bimbi conoscono i noti problemi di alcolismo e droga della giovane star?, avrebbe voluto aggiungere il legale.

Ma se da un lato la compagnia finanziaria americana – che si difende sostenendo che Lindsay sia un comunissimo nome di bambina – rischia seriamente di pagare il risarcimento milionario a LiLo, dall’altro già conta l’enorme pubblicità che questa faccenda le ha regalato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>