Lindsay Lohan torna a casa

di Stefania Russo Commenta

Dopo aver trascorso 14 giorni in carcere e 23 giorni presso una clinica per tossicodipendenti e alcolisti Lindasay Lohan è tornata a casa..

Dopo aver trascorso 14 giorni in carcere e 23 giorni presso una clinica per tossicodipendenti e alcolisti Lindsay Lohan è tornata a casa.

All’uscita dall’UCLA Medical Centre di Los Angeles ad attenderla c’era un auto con tanto di autista pronto a portarla a casa. Secondo alcune fonti la prima cosa che l’attrice ha fatto dopo aver riacquistato la libertà è stata chiamare sua madre Dina.


Come ampiamente previsto, dunque, Lindsay Lohan non ha trascorso all’interno dell’ospedale tutti i 90 giorni inizialmente imposti dal giudice, che le ha concesso di tornare a casa prima del previsto, anche se ogni giorno l’attrice dovrà recarsi presso l’ospedale per sottoporsi alle cure prescritte.

Ed è proprio a proposito di queste cure che nei giorni scorsi di è parlato a lungo. Secondo i medici dell’opsedale, infatti, Lindsay Lohan non sarebbe nè un’alcolista nè una tossicodipendente dal momento che non ha avuto alcuna crisi d’astinenza dopo che i dottori hanno smesso di somministrargli alcuni medicinali, per non parlare del fatto che in ospedale è assolutamente impossibile reperire alcol. Nonostante questo, raccontano i medici, Lindsay Lohan ha continuato ad avere un comportamento normalissimo, tanto che si è arrivati ad ipotizzare un errore nella diagnosi.

Sarà questo ad aver convinto il giudice a farla tornare a casa prima? Oppure c’entra ancora una volta la notorietà dell’imputato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>