Valerio Pino scrive frasi deliranti su Twitter: dice di avere perso la memoria…

di Maris Matteucci Commenta

Valerio Pino scrive frasi deliranti su Twitter e dice di avere perso la memoria…

Valerio Pino continua a tenere vivo il gossip che lo riguarda: dopo gli scatti hot pubblicati nei mesi addietro sul suo profilo Twitter, l’ex ballerino professionista di Amici è apparso quest’oggi con un messaggio lunghissimo nel quale dice di avere perso la memoria e di sapere il suo nome solo perché lo ha letto sul suo computer.

L’ex ballerino di Amici sostiene di essere svenuto e di non ricordare più niente, probabilmente per la forte botta in testa che ha preso.


Frasi deliranti, sinceramente, che (speriamo per lui) potrebbero soltanto essere uno scherzo o un modo per rimanere costantemente al centro dell’attenzione, cosa che all’ex ballerino di Amici deve piacere parecchio, altrimenti non si capirebbero le dichiarazioni rilasciate negli ultimi mesi o i video pubblicati sul suo profilo Twitter in atteggiamenti molto intimi con il compagno (Valerio Pino, lo ricordiamo, è omosessuale dichiarato).

VALERIO PINO CORTEGGIA GERARDO PULLI SU TWITTER

Stavolta però l’ex pupillo di Maria De Filippi ha rincarato la dose: dopo aver raccontato dell’incidente, Valerio Pino dice di avere visto sul suo profilo delle foto “strane” (ma va?) e subito dopo si augura di non averle pubblicate lui. Poi arriva la presa di coscienza: dice che è malato e che ha probabilmente bisogno di cure e che se davvero ha pubblicato lui quelle foto hot su Twitter sarà a tutti gli effetti la vergogna della sua famiglia.

Magicamente poi il profilo Twitter di Valerio Pino è diventato inaccessibile: quando si prova ad andare a sbirciare sul profilo del ballerino appare la scritta “profilo protetto”. Insomma c’è proprio qualcosa che non quadra…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>