Kevin Prince Boateng bacchettato dal Milan per la relazione con Melissa Satta

di Maris Matteucci Commenta

Il Milan non gradisce le numerose foto su Twitter che ritraggono momenti privati di Kevin Prince Boateng e Melissa Satta...

Da qui in avanti Kevin Prince Boateng dovrà essere più riservato sulla sua vita privata: è il Milan, la squadra in cui milita, ad averglielo chiesto seppur in modo informale.

La storia con Melissa Satta – si legge quest’oggi su Novella 2000 – avrebbe insomma creato qualche fastidio al club rossonero perché il suo tesserato ultimamente è spesso e volentieri al centro del gossip e di certo non per le sue gesta sportive.


Così, secondo indiscrezioni, il Milan avrebbe fatto capire al giocatore di non gradire troppo la sovraesposizione mediatica di cui si è reso protagonista da quando fa coppia fissa con Melissa Satta. E per sovraesposizione mediatica non si intende solo il fatto che i due piccioncini vengano fotografati ogni tre per due ad ogni uscita pubblica. Sotto accusa sarebbe anche l’utilizzo smisurato dei social network come Facebook e Twitter specie da parte di Melissa Satta che spesso e volentieri si diverte a documentare in rete la relazione con il giocatore.

MELISSA SATTA PUBBLICA SU TWITTER UNA NUOVA FOTO DI BOATENG A LETTO

In effetti la showgirl sarda, negli ultimi mesi, ha spesso postato sul suo profilo Twitter le foto del fidanzato mentre per esempio dormiva, o mentre erano in giro per qualche giorno di relax. Foto che ovviamente hanno fatto rapidamente il giro del web, non riscontrando però il parere positivo del Milan che ha visto bene di bacchettare Kevin Prince Boateng e metterlo alle strette.

MELISSA SATTA RACCONTA I PARTICOLARI DELLA SUA VITA SESSUALE CON BOATENG

Secondo logica, dunque, non dovremmo leggere nemmeno più dichiarazioni della showgirl circa le sue abitudini sessuali con l’attaccante che qualche tempo fa, in occasione di un infortunio muscolare, era stato preso in giro da coloro che individuavano negli “straordinari di letto” con Melissa Satta la causa dell’infortunio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>