Amy Winehouse si concede l’ultima bevuta prima di disintossicarsi

di Eliana Tagliabue Commenta

Un condannato a morte ha sempre diritto all’ultimo desiderio: questo deve aver pensato Amy Winehouse mentre entrava in un chiosco di Londra per acquistare un’ultima vodka da bere, prima di entrare a disintossicarsi nella clinica The Priory...

Un condannato a morte ha sempre diritto all’ultimo desiderio: questo deve aver pensato Amy Winehouse mentre entrava in un chiosco di Londra per acquistare un’ultima vodka da bere, prima di entrare a disintossicarsi nella clinica The Priory.
In effetti un luogo dove le sarà totalmente proibito di bere nonché insegnato a fare a meno dell’alcool deve sembrarle un po’ una sorta di condanna a morte, pertanto un’ultima bevutina sembrava il desiderio perfetto prima di andare al patibolo.

Secondo un testimone presente all’interno del chiosco (il Meadway Food and Wine a Southgate, nel nord di Londra), la cantante era in condizioni pietose: barcollava e farfugliava, e non sembrava molto in sé.
Tuttavia ciò non le ha impedito di prendere l’alcolico ad un’ora decisamente fuori luogo, scolandoselo tutto d’un fiato.
Secondo quanto riportato dal Sun, però, poco prima ha perfino fatto di peggio.

Pare infatti che Amy, con indosso una tuta da ginnastica, verso le 12.30 sia entrata nel negozio di una parrucchiera, chiedendo di poter usufruire del bagno, dal quale è uscita poco dopo dichiarando di aver vomitato dappertutto.
Su questo fatto, però, non c’è l’assoluta certezza, poiché il suo portavoce ha liquidato il tutto come uno scherzo, sottolineando che l’artista ha già iniziato il percorso di disintossicazione in clinica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>