Justin Bieber si sottopone al test del dna per negare figlio segreto

di Maris Matteucci Commenta

Justin Bieber si è detto disposto a sottoporsi al test del dna per smentire le accuse che gli sono arrivate nei giorni scorsi da una fan

Justin Bieber si sottoporrà al test del dna per smentire le accuse della fan Mariah Yeater che nei giorni scorsi aveva affermato di avere un figlio segreto con la popstar canadese.
A dare la notizia è l’ufficio stampa del cantante idolo delle teenagers di mezzo mondo (riportata dal sito americano Tmz) che per riconquistare la fiducia della fidanzata Selena sembra essere disposto a tutto.


Le accuse rivolte dalla fan a Justin, infatti, avrebbero mandato Selena Gomez su tutte le furie tanto che appena un paio di giorni fa era saltata fori l’indiscrezione secondo cui la presentatrice degli MTV Europe Music Awards avrebbe mollato il fidanzato, furiosa per quanto appreso.

JUSTIN BIEBER E SELENA GOMEZ SI SONO LASCIATI

Nemmeno le smentite di Justin avrebbero insomma fatto ricredere la Gomez che a quanto pare ha creduto più alle affermazioni della ventenne Mariah Yeater che a quelle del suo fidanzato. Che però si è detto disponibile a sottoporsi al test del dna che potrà fugare ogni dubbio sulla reale paternità del bambino che – sempre secondo le accuse della Yeater – avrebbero concepito lo scorso anno alla fine di uno dei concerti che la popstar canadese avrebbe tenuto a Los Angeles.

JUSTIN BIEBER NEGA DI AVERE UN FIGLIO SEGRETO

I Legali di Bieber insomma starebbero lavorano per far sì che in tempi brevi tutta questa vicenda sia risolta. Si dice che glia avvocati di Mariah Yeater, dopo avere appreso che il cantante canadese è disposto a sottoporsi al test di paternità, avrebbero fatto un mezzo passo indietro.

Magari, quello di Mariah Yeater, era solo un goffo tentativo di farsi pubblicità. A scapito di Bieber che però, per il momento, ci ha rimesso la fidanzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>