Lady Gaga pratica riti satanici

di Fabiana 1

Scotland Yard sta indagando sui presunti riti satanici compiuti dalla cantante

Lady Gaga non ha perso tempo e ha trovato il modo di far parlare di sé anche nel 2012, ma forse stavolta l’iniziativa non parte direttamente da lei.

La cantante americana, non nuova alle provocazioni, è finita di nuovo in pasto al gossip a causa della testimonianza di una cameriera che lavora all’Hotel Intercontinental di Londra.

La testimonianza della donna è arrivata perfino a Scotland Yard, la celebre polizia britannica.

La donna ha dichiarato che Lady Gaga, alloggiata presso il lussuoso hotel, avrebbe fatto il bagno nel sangue umano. Ebbene sì.
La donna era l’addetta alle pulizie della stanza della cantante e quando è entrata in bagno si sarebbe trovata di fronte a una scena raccapricciante: la vasca da bagno era piena di sangue umano e la donna ne sembra così convinta che ha chiesto alla polizia che il suo nome non venga divulgato.

“Ha fatto un bagno nel sangue come parte di un rituale satanico” ha dichiarato la donna.

Lady Gaga ispira il negozio Barneys di New York

Al momento la polizia sta indagando sull’accaduto per capire se effettivamente la cantante si sia dedicata a riti satanici o se, con maggiore probabilità il sangue che ha choccato la donna non sia più semplicemente un colorante sfoggiato dalla cantante in una delle sue apparizioni.

Non si tratta della prima volta che Lady Gaga si trova ad essere accusata di satanismo visto che era già stata accusata di aver inserito delle frasi subliminali di tipo satanico all’interno delle sue canzoni e che pare sia letteralmente ossessionata dalle presenza di spiriti maligni.

Per il momento Lady Gaga non ha commentato quanto accaduto, ma la vicenda non può che farle pubblicità alimentando la sua fama di artista sopra le righe.

Commenti (1)

  1. che schifo ….

    paragliola valeria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>