Rihanna licenziata dalla Nivea

di Fabiana Commenta

La cantante è state licenziata dal ruolo di testimonial per la sua condotta da bad girl, poco gradita al nuovo ad della società

Fino a qualche tempo fa Rihanna era stata scelta come testimonial per la Nivea in occasione della campagna pubblicitaria per celebrare il centenario della casa.

Il connubio sembra inscindibile anche perché anche per lo spot pubblicitario era stata scelta una canzone della cantante, California King Bed. Con l’arrivo del nuovo amministratore delegato della Nivea, Stefan Heidenreich, le cose sono cambiate da un momento all’altro.

“La campagna con Rihanna è stato un errore” ha dichiarato Heidenreich che non riesce a capacitarsi di come Nivea abbia potuto “associare i propri valori a quelli di questa cantante”.

Ovviamente Rihanna è stata immediatamente licenziata e il suo volto scomparirà ben presto dai cartelloni pubblicitari Nivea. A non piacere al nuovo ad Nivea è senza dubbio lo stile di vita spericolata che la cantante sembra aver imboccato negli ultimi tempi, dagli eccessi alcolici al consumo di droghe leggere ben documentate via Twitter.

Le sbronze, la musica ad alto volume e le vacanze extralusso della cantante non piacciono proprio al nuovo ad della Nivea che ribadisce che i valori dell’azienda (fiducia, famiglia, affidabilità e serietà) sono del tutto diversi da quelli ostentati dalla giovane cantante.

Rihanna perde l’aereo dopo essersi ubriacata

Da parte sua Rihanna non ha rilasciato dichiarazioni in merito, ma sembra non curarsi troppo della faccenda al momento: è troppo impegnata a godersi le vacanze sul suo megayatch nel sud della Francia dove continua ad essere paparazzata mentre bere birra e superalcolici in quantità o si diverte nelle feste notturne.

E dire che qualche tempo fa Rihanna aveva dichiarato che la vita della bad girl non le addiceva troppo: ci avrà ripensato forse.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>