I segreti di Tom serviti con un cocktail

di Marina Pellegrino Commenta

Miscavige, capo ecclesiastico di Scientology, avrebbe prima registrato e poi diffuso gran parte delle confessioni private di Tom Cruise..

Come tutti sanno, Scientology è un’organizzazione che accorpa e diffonde tutte quelle credenze pratiche ideate da Ron Hubbard nel 1954, basate sul precedente sistema di auto miglioramento denominato Dianetics.

Ma, a quanto sembra, David Miscavige, capo ecclesiastico di questo movimento religioso o setta, dipende dai punti di vista, non si è limitato soltanto alla diffusione delle congetture relative alla natura spirituale dell’uomo predicate dal suo fondatore. Miscavige avrebbe prima registrato e poi diffuso gran parte delle confessioni private di Tom Cruise, esponente di spicco (non fosse altro che per tutte le donazioni milionarie fatte), tra le celebrità, di Scientology.



Il contenuto delle registrazioni, che sarebbero avvenute per mezzo di microfoni e telecamere nascoste collocate nella sala predisposta alle riunioni, riguarderebbe tutti i momenti intimi e privati, spesso anche dolorosi, dell’attore hollywoodiano, messo in ridicolo e deriso ai cocktail party organizzati dall’organizzazione. In poche parole, Miscavige era solito intrattenere i suoi ospiti mediante l’ascolto degli sfoghi e dei problemi personali di Tom Cruise.
Le ragioni potrebbero essere anche altre, ovvero, più legate a possibili ricatti futuri o come difesa per eventuali accuse da parte di Tom o della moglie.

A svelare l’esistenza dei microfoni e la successiva divulgazione in pubblico dei segreti della star è stato Marty Rathburn, un ex alto seguace dell’organizzazione che, dal suo blog, urla a Tom di svegliarsi perché non è ancora troppo tardi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>