Selvaggia Lucarelli replica a Flavio Briatore

di Maris Matteucci Commenta

Selvaggia Lucarelli replica a Flavio Briatore

Continua il duello a distanza tra Flavio Briatore e Selvaggia Lucarelli. Ma la giornalista, si sa, ha sempre una parola per tutti e dopo essere stata criticata dall’imprenditore via Twitter, gli tira un’ultima stoccatina chiudendo di fatto la questione.

Facciamo un piccolo riassunto per coloro che si fossero persi qualche passaggio nella vicenda Lucarelli-Briatore. Dopo l’ennesima aggressione ad alcuni turisti italiani in Kenya, Flavio Briatore – che nel paese sudafricano ha molti interessi: ha costruito recentemente un resort superlusso – era intervenuto per sottolineare come il Kenya non fosse assolutamente un paese violento, anzi.


Le dichiarazioni del potente imprenditore erano state riprese da Selvaggia Lucarelli che, sul suo profilo facebook, aveva espresso il suo punto di vista sottolineando di non essere assolutamente d’accordo con quanto affermato da Flavio Briatore:Non so di che paese parli Briatore, quando dipinge il Kenya come un posto tranquillo – ha scritto la giornalista su facebbok -. Parla, forse, della lingua di sabbia compresa tra il primo e l’ultimo ombrellone del suo bel resort, in cui il peggior incidente che ti possa accadere è che ti cada una capirinha sul costume La Perla. Almeno sulla carta. E allora dico una cosa, che non ha a che fare col giudizio perché poi quest’uomo dà lavoro a gente del posto e non voglio ometterlo, ma ogni volta che vedo le foto di lui a mollo nelle acque cristalline con amici, moglie e figlio serviti da camerieri con vassoi di frutta e bibite che entrano in acqua vestiti per servirli, io provo un senso di profondo disagio“.

FLAVIO BRIATORE ATTACCA SELVAGGIA LUCARELLI

La risposta di Flavio Briatore è arrivata su Twitter:La Lucarelli che parla del Kenia, avesse lei la dignità di questo popolo… invece non si capisce cosa fa… parla male di tutto e di tutti“.

Ma la querelle a distanza non è finita perché l’irriverente Selvaggia tira un’ultima frecciatina all’imprenditore sottolineando l’errore grammaticale che lo ha portato a scrivere Kenya in modo scorretto. “Mi limito a dire che avere rispetto per un popolo è anche imparare a scrivere correttamente il nome del paese in cui quel popolo vive. Kenya, non Kenia“.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>