Paris Hilton pianifica il suo futuro

di Stefania Russo Commenta

La storia tra Paris Hilton e Doug Reinhardt và praticamente a gonfie vele. Paris, quindi, convinta di aver trovato finalmente l'uomo della sua..

paris-doug

La storia tra Paris Hilton e Doug Reinhardt và praticamente a gonfie vele. Paris, quindi, convinta di aver trovato finalmente l’uomo della sua vita si appresta a pianificare ogni minimo dettaglio del suo futuro, rivelando non solo la voglia di avere una famiglia tutta sua e dei bambini ma anche tutti i dettagli del suo family plan.

Anzitutto Paris, pur non essendo nè sposata nè incinta, ha già stabilito che il padrino e la madrina del suo primogenito saranno David e Victoria Beckham e che i suo figli si chiameranno proprio come loro.


Quest’idea, come si può ben immaginare, nasce dall’ammirazione che Paris ha nei confronti del calciatore e di sua moglie definiti da lei stessa delle persone splendide e Victoria, in particolare, una donna bellissima e affascinante. Paris, inoltre, ha aggiunto che vorrebbe che i suoi figli somigliassero proprio a loro.


Ovviamente Paris dà per scontato che i suoi progetti vadano bene a tutti, non solo a David e Victoria, completamente ignari di tutto, ma anche a Doug che, sebbene abbia più volte detto di essere innamorato di Paris e di volere una famiglia e dei figli insieme a lei, non ha mai parlato di mettere al mondo dei cloni di David e Victoria Beckham.

Ma Paris da questo punto di vista sembra essere tranquilissima. Durante una recente intervista, infatti, l’ereditiera ha affermato che Doug è completamente cotto di lei e praticamente è disposto a fare qualunque cosa lei chiede o desidera.

Ma le ambizioni di Paris non finiscono affatto qui. Qualche giorno fà, infatti, la biondina ha creato scalpore affermando di voler diventare la nuova Lady Diana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>