Bubi Barbieri difende Alessio Lo Passo

di Cristina Baruffi Commenta

Bubi Barbieri attacca Giulia e Claudia Montanarini su Facebook per difendere Alessio Lo Passo...

Uomini e Donne è sicuramente uno dei talk show di maggiore successo, infatti nel corso di questi ultimi anni sono state molte le polemiche legate a questo programma, ma il pubblico sembra gradire ogni volta la formula della trasmissione visti i dati auditel. Nella puntata di ieri pomeriggio Maria De Filippi ha deciso di ripercorrere alcune tappe significative di U&D proponendo tutti i momenti più belli delle coppie che si sono formate in studio, infatti ha invitato i tronisti delle precedenti edizioni e i ragazzi scelti, che nella maggior parte dei casi non sono più i rispettivi fidanzati.


Le sorelle Montanarini hanno attaccato con forza Alessio Lo Passo, nonché ex compagno di Giulia, definendolo una persona priva di valori e contenuti.
La scena era a dir poco straziante, così Bubi Barbieri ha deciso di difendere a spada tratta il nuovo amico con un vero e proprio attacco su Facebook in cui definiva le due sorelle delle arriviste siliconate. La super corteggiatrice non ha risparmiato frecciatine, infatti ha accusato le Montanarini di collezionare matrimoni per avere un conto corrente garantito e di cercare un uomo capace di mantenerle.

GIULIA MONTANARINI FELICE CON DENNY MONTESI

Dopo poche ore è arrivata tagliente la risposta di Claudia, la quale ha ricordato a Bubi che probabilmente lei non si è mai sposata perché non la vuole nessuno e che sfortunatamente non ha mai provato la gioia della maternità.
Lo scontro è stato davvero acceso, soprattutto quando la super corteggiatrice ha ricordato alla ex prima donna del Bagaglino che Lo Passo ha pagato a lei e alla sorella un intero mese di albergo, nonostante fosse una persona “comune”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>