Caterina Siviero licenziata dal suo capo dopo il tradimento ad Armando Avellino

di Maris Matteucci Commenta

Caterina Siviero racconta di essere stata licenziata dal suo capo...

Il tradimento (scoperto in diretta) di Caterina Siviero ai danni del fidanzato Armando Avellino è costato molto di più di una sonora figuraccia alla padovana che racconta di avere perso anche il suo lavoro.

La ex gieffina lavorava come igienista dentale in uno studio medico e a quanto pare adesso si trova disoccupata: il suo datore di lavoro sarebbe rimasto “inorridito” dal comportamento della ragazza tanto da farle sapere che non era più gradita in studio.


Anche se c’è qualcosa che non torna perché Caterina Siviero ha sì sempre detto di lavorare come igienista dentale ma nello studio di suo padre. Dunque pare strano che improvvisamente si sia ritrovata senza lavoro a meno che suo papà, colpito dal comportamento della figlia, abbia deciso di lasciarla a casa per riflettere sui suoi sbagli.

FABRIZIO CONTI SPIEGA PERCHE’ HA PARLATO DELLA NOTTE DI SESSO CON CATERINA SIVIERO

Sono in molti, piuttosto, quelli che pensano che Caterina Siviero abbia cercato di sfruttare in qualche modo questo episodio per farsi un po’ di pubblicità. Dato che ormai il danno è fatto – il suo tradimento è noto a tutta Italia, Armando Avellino compreso che a quanto pare non ne vuole più sapere di lei – la padovana forse sta cercando di limitare i danni cercando di passare per la vittima almeno in campo lavorativo.

ALESSIA MARCUZZI SI SCAGLIA SU FB CONTRO CATERINA SIVIERO E VIENE PESANTEMENTE CRITICATA

La gieffina si è dichiarata fin da subito molto pentita del tradimento con Fabrizio Conti – che ha bollato come l’errore più grande che potesse commettere – e spera che il fidanzato, una volta uscito dalla casa del Grande Fratello, possa perdonarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>