Alena Seredova racconta la sua infanzia difficile

di Maris Matteucci Commenta

La modella ceca Alena Seredova si racconta in una intervista a Grazia

Non tutto è oro quel che luccica: è questo, in sintesi, il pensiero della bellissima Alena Seredova che oggi, al fianco di Gigi Buffon, vive in una condizione di vita super agiata ma che da piccola ha dovuto affrontare una infanzia non così felice.

Non per il rapporto difficoltoso con i genitori ma per la povertà che in quegli anni attanagliava la Cecoslovacchia, dove la bellissima modella è nata e cresciuta.


Così Alena Seredova si ricorda che i suoi genitori per comprare una macchina dovevano mettersi in fila ore ed ore e dormire all’aperto in sacco a pelo per non perdere il posto. E ancora, ricorda che tutti i giorni bisognava stringere i denti per poter portare qualcosa da mangiare a casa e che anche solo la cioccolata per lei era un lusso. Tanto che la prima volta che ne ha avuto un pezzettino in mano l’ha stretta così tanto a lungo che si è sciolto.

ALENA SEREDOVA RACCONTA LA SUA VITA PRIVATA CON GIGI BUFFON

Oggi Alena Seredova è una donna fortunata, sposata con uno dei calciatori più famosi del mondo (Gigi Buffon è portiere della Juventus e della Nazionale), ma si arrabbia quando l’accusano di essersi trovata un marito ricco e di essersi così sistemata per la vita. Perché, ci tiene a sottolinearlo, è sempre stata una donna che si è rimboccata le maniche per sbarcare il lunario e a 14 anni già lavorava come modella per aiutare in casa.

Certamente oggi ammette di essere una donna fortunata, con due figli meravigliosi (Louis Thomas e David Lee) che di sicuro non passeranno quello che ha passato lei da piccola. Anche se la modella ceca ci tiene a far rispettare ai suoi bambini le regole. Quindi cena alle 18 e nanna alle 20, tutte le sere, perché così lei ed il marito possono godersi un po’ di tempo insieme e da soli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>