Naomi Campbell picchia l’autista

di Marina Pellegrino Commenta

Erano mesi che non sentivamo più di sanguinosi e avvincenti match disputati dalla top model 39enne ai danni di poveri malcapitati..

Naomi Campbell è tornata di nuovo sul ring. Erano mesi che non sentivamo più di sanguinosi e avvincenti match disputati dalla top model 39enne ai danni di poveri malcapitati.

Questa volta avrebbe aggredito il suo “autista per un giorno” colpendolo, dal sedile posteriore del suo lussuoso SUV, alla nuca. L’uomo – che ha riportato una ferita all’occhio destro e diverse contusioni al volto – si è subito recato al più vicino commissariato di polizia per denunciare la Campbell per molestie.



Ai poliziotti ha raccontato d’aver sbattuto la testa contro il volante a causa del colpo violento assestatogli dalla modella. Al momento non si conosce ancora la ragione del gesto, cosa abbia scatenato la sua ira.

La Venere Nera avrebbe poi aperto la portiera dell’auto e sarebbe scappata a piedi per le strade di Manhattan quasi come il peggiore dei fuggiaschi. Il suo portavoce Jeff Raymond ha fatto solo sapere che Naomi non ha alcuna intenzione di sottrarsi alle indagini, anzi collaborerà con la polizia.

L’elenco delle persone che le sono capitate sotto tiro è abbastanza lungo. Ne sanno qualcosa due sue ex cameriere – aggredite e malmenate – colpevoli, la prima, di non essere riuscita a trovare i jeans che piacevano a lei e la seconda, colpevole non si sa bene di cosa, ma punita con il lancio di un cellulare dritto in testa.

Nel primo caso Naomi aveva patteggiato davanti alla Corte Suprema, nel secondo caso fu condannata a pulire per cinque giorni gli uffici della nettezza urbana di New York (lo fece indossando i tacchi a spillo…gli scarponi adatti li portava allacciati sulle spalle). 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>