Luca e Paolo raccontano i retroscena dell’addio a Le Iene

di Maris Matteucci Commenta

In una intervista a Vanity Fair Luca e Paolo raccontano perché hanno lasciato la conduzione de Le iene

Per molto tempo si è cercato di capire i motivi che hanno spinto Luca e Paolo (Bizzarri e Kessisoglu) a lasciare improvvisamente il timone de Le Iene, programma di Italia 1 presentato quest’anno dalla confermata Ilary Blasi al fianco di Enrico Brignano e Luca Argentero.

A distanza di qualche mese – e dopo molti chiacchiericci, alcuni infondati a quanto pare – sono loro stessi a spiegare il perché dell’addio alla fortunata trasmissione di Italia 1. Lo fanno in una intervista al settimanale Vanity Fair, uscito oggi in edicola.


Nessun litigio con Davide Parenti, ideatore della trasmissione. O meglio, fanno intuire che un litigio c’è stato ma non ha certo determinato l’addio al programma. Un programma che, secondo quanto i diretti interessati affermano, hanno sentito davvero loro. Ma a quarant’anni c’era il rischio di rimanere fossilizzati e allora è semplicemente arrivato il momento di cambiare, di guardarsi intorno, di concentrare energie – dice Luca – sulla recitazione.

LUCA ARGENTERO E ENRICO BRIGNANO SOSTITUISCONO LUCA E PAOLO A LE IENE

Ma le divergenze di opinione con il già citato Davide Parenti sicuramente non hanno facilitato la convivenza nel programma di Italia 1. “Perché non rivendicavamo una certa indipendenza artistica che Davide Parenti non sempre vedeva di buon occhio“, dicono in coro.

Quindi basta, è arrivata l’ora di voltare pagina. Anche se qualche puntata della nuova stagione de Le Iene Luca e Paolo se la sono vista. L’inizio della trasmissione ha combaciato però con le riprese del film Immaturi e questo per loro è stato un bel colpo. Perché in Grecia, dove hanno girato, Italia 1 non c’era.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>