Alessia Marcuzzi ammette il flop del Grande Fratello 12 e ne spiega i motivi

di Fabiana Commenta

La conduttrice ammette per la prima volta il clamoroso flop del Grande Fratello e cerca di spiegarne i motivi

Che il Grande Fratello 12 sia stato un clamoroso flop è ben noto, ma ora a doverlo ammettere è anche la conduttrice Alessia Marcuzzi che ha deciso di spiegarne le ragioni.

A suo dire, ciò che ha più danneggiato il Grande Fratello è stata la brevissima distanza fra l’edizione 11 e 12.

In questo modo i telespettatori non sono neppure riusciti ad affezionarsi ai vecchi concorrenti da dover fare i conti con i nuovi personaggi. Tra l’altro i concorrenti di questa edizione erano decisamente un po’ troppo aggressivi per non dire maleducati e supportati da fan club a dir poco agguerriti al punto tale che la conduttrice era stata anche minacciata per il suo comportamento.

ALESSIA MARCUZZI RACCONTA DI AVER AVUTO PAURA DI MORIRE

Insomma un mix micidiale che ha fatto scendere inesorabilmente gli ascolti perché il pubblico non è riuscito a “sentire” i personaggi. Se maleducazione e arroganza sono elementi inconciliabili con il programma c’è da dire che Alessia già pensa al futuro e si lascia scappare qualche indiscrezione sulla prossima edizione (rimandata a tempi migliori dalla produzione) che dovrebbe essere contenere alcuni radicali cambiamenti.

Già in occasione di altre interviste Alessia aveva cercato di spiegare il vertiginoso e inesorabile calo di ascolti del programma con il fatto che il pubblico non era riuscito ad affezionarsi ai concorrenti.

ALESSIA MARCUZZI VORREBBE UN ALTRO FIGLIO DA FRANCESCO FACCHINETTI

Intanto se resta in dubbio la presenza di Alessia anche per la prossima edizione del programma anche perché ci sarebbe seriamente in lizza Ilary Blasi, lei si concentra sul suo nuovo programma Extreme Makeover Home Edition che andrà in onda in autunno e sulla sua famiglia allargata.

Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>