Ilary Blasi parla di Vallettopoli

di Marina Pellegrino Commenta

In un’intervista al settimanale Diva e Donna dichiara di non dare molto peso alle notizie pubblicate sulle varie riviste ad esempio, le varie chiacchiere sull’inchiesta di Vallettopoli..

Ma chi l’ha detto che bisogna sempre prendere tutto sul serio, fare scenate e infuriarsi?
Ilary Blasi sembra essere la tranquillità fatta persona, all’apparenza nessuna notizia pare nuocerle al punto da farle perdere le staffe.

In un’intervista al settimanale Diva e Donna dichiara di non dare molto peso alle notizie pubblicate sulle varie riviste (ad esempio, le varie chiacchiere sull’inchiesta di Vallettopoli), di non interessarsi minimamente a quanto scrivono i giornali su suo marito e di non capirci nulla di calcio. Insomma, vivrebbe in un mondo tutto suo. E confessa che, se scoprisse un tradimento da parte di Francesco Totti, ci passerebbe addirittura sopra. Perché non è un tipo da scenate lei.



“Però probabilmente, a freddo, qualcosa farei”, ha aggiunto.
Ricordiamo tutti (o ricordiamo Totti, a voler fare una battuta del martellante spot Vodafone di Ilary e Francesco) la presunta scappatella dell’ex capitano della Nazionale con Flavia Vento. La notizia del flirt tra i due era trapelata proprio quando Ilary era incinta del primo figlio, sicuramente una cosa a cui non era preparata, anche se ha ammesso di non aver mai dubitato di lui, di avergli sempre creduto.

La conduttrice de Le Iene avrebbe ancora molti desideri da realizzare. Per prima cosa, sarebbe felicissima di seguire il marito in Sudafrica in occasione dei Mondiali di Calcio 2010. Questa volta lo farebbe, senza problemi, con figli al seguito dal momento che Christian, il primogenito del “Pupone”, ha 4 anni e Chanel ne ha 3. L’altro desiderio sarebbe quello di far presto il terzo figlio e ancora, il sogno di condurre un reality o di recitare in un cinepanettone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>